tuseiforteprincipessa

Ciao piccola anima,
indovina chi sono?
Sono il tuo cuore, beh, lo so che potrá sembrarti strano, ma il tuo cuore ti sta parlando.
Allora, da dove comincio?
Ti prego, smettila di creare quei vuoti improvvisi dentro me, anche io ci sto male poi.
Smettila di piangere ogni notte, batto talmente forte che poi non riesco piu’ a respirare nemmeno io.
Smettila, ti prego, di farti del male o di farti trattare male dalla gente. Sono stanco di ridurmi sempre in mille pezzettini e raccogliermi sempre da solo.
I tuoi singhiozzi li sento la notte e come non capirti. Anche io mi sento cosi solo.
Oh, un’altra cosa. Ti prego, smettila di farmi gelare dal freddo, non voglio avere ancora inverni dentro di me, lo so che tu sei forte.
Ti prego, ce la farai.

Il tuo cuore.

fragilecomefogliainautunno
«Sei bellissima.»
Apre gli occhi. Labbra la stanno baciando.
Piccoli baci sul collo. Piccoli baci sul padiglione dell’orecchio. Piccoli baci sulle spalle.
Gli infila una mano tra i capelli. Capelli che lui si è tagliato per lei (Che ne dici, ti piaccio di più così? Certo che mi piaci di più.)
«Cos’hai detto?» gli chiede stropicciandosi gli occhi e stiracchiandosi.
Un raggio di sole macchia il tappeto scuro e fa danzare il pulviscolo nell’aria.
«Ho detto che sei bellissima.»
Piccoli baci sulla gola. Piccoli baci sul seno destro.
«Ridillo.»
Piccoli baci sul seno destro.
«Sei bellissima.»
Piccoli baci sul capezzolo destro.
«Di nuovo. Dillo di nuovo.»
Piccoli baci sul capezzolo sinistro.
«Sei bellissima.»
Piccoli baci sulla pancia.
«Giuralo.»
Piccoli baci sull’ombelico.
«Lo giuro. Sei la cosa più bella che conosco. E ora, per favore, mi fai continuare?»
E i baci riprendono.
Ti prendo e ti porto via, Niccolò Ammaniti. (via stringimipiuchepuoi)